Azienda agricola

LA NOSTRA STORIA

Quando nel 2006 ereditai uno storico uliveto di famiglia situato sulla soleggiata collina che sovrasta il paese di Castellaro chiamata in dialetto "Beìza", mi venne la folle idea di continuare la secolare coltivazione dell'oliva Taggiasca. Volendo produrre e commercializzare seriamente, un olio di una delicatezza e un sapore unici al mondo, dovetti comprare degli appezzamenti circostanti per avere un numero minimo di piante. Purtroppo, però, un devastante incendio nell’anno 2001 aveva distrutto tutta la collina, così dovetti procedere alla riqualificazione delle campagne, estirpando i rovi e gli arbusti, tagliando tutte le piante secche, rifacendo tutti i muri a secco e, volendo avere la garanzia di un buon raccolto tutti gli anni, predisporre un impianto di irrigazione a goccia per aiutare le piante nei mesi di siccità.
Nell’annata 2008/2009 vide la luce il primo lotto di olio DOP RIVIERA LIGURE RIVIERA DEI FIORI qualificato “CRȖ BEÍZA”, in quanto tutte le olive raccolte per la produzione provenivano, come provengono tutt'ora, dall’omonimo uliveto, e poiché, con grande piacere, abbiamo avuto il riconoscimento della Guida degli olii d’Italia dello Slow Food e i nostri clienti come la nostra produzione sono in continuo aumento, sono felice che mio figlio Stefano abbia deciso di continuare questa sempre folle ma bella avventura, portando avanti l’azienda con il mio stesso entusiasmo.

LA NOSTRA FILOSOFIA

Eccellenza attraverso l’autenticità e salvaguardia della qualità senza compromessi: questi i principi della nostra filosofia. L’obbiettivo è offrire un olio genuino e salutare, dagli elevati valori nutrizionali, dall’aroma pregiato e dal sapore armonico, perfetto interprete del nostro territorio e capace di rappresentare il vero sapore della Liguria.
Prima ancora che un alimento, l’olio extravergine di oliva è un modo di vivere, di concepire la vita e i suoi ritmi, è il simbolo di valori culturali. E non potevamo che fare olio extravergine d’oliva in un territorio che ha tradizioni secolari nell’olivicoltura.

IL NOSTRO METODO

Il nostro modo di lavorare, senza stendere le reti a priori sotto le piante, diminuisce molto la quantità di raccolto e richiede una maggiore forza lavoro, perché nelle giornate ventose d'inverno, le olive che non sono perfette cadono. Rimangono però sulla pianta le olive più belle e sane che, nell’arco di un’unica giornata, sono raccolte, separate dalle foglie e portate al frantoio, dove spremute a freddo producono un'olio, naturalmente extravergine, di qualità nettamente superiore: l'ORO DI TAGGIA